La traduzione non letterale e il linguaggio arcaico sono frutto della speciale vicinanza lirica che mi lega all’autore. Essa mi spinge ad attuare una reinterpretazione in chiave personale.